fratture femore - Francesco Grazzina fisioterapia a Gorizia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie utili Gorizia

Secondo le previsioni di “The Lancet”, il numero stimato di fratture di femore nel mondo aumenterà da 1,7 milioni del 1990 a oltre 6,3 milioni di casi nel 2050.
Mentre le fratture vertebrali non provocano sintomi in circa metà dei casi, sono proprio le fratture di femore a causare i pericoli più gravi per chi le subisce e i disagi più importanti per i loro familiari.
Lo dicono i numeri:
In Europa, ogni 30 secondi una persona con osteoporosi (una donna nel 75% dei casi) subisce la frattura di un arto o di una vertebra. Le fratture di femore, a differenza di quelle vertebrali da osteoporosi, causano mortalità nel 24% dei casi entro un anno
e provocano invalidità permanente in oltre il 45% delle persone (anziane) che le subiscono. Nel 25% dei casi, in conseguenza di una frattura di femore, le persone perdono la propria autosufficienza. In Italia, ogni anno si registrano si registrano quasi centomila fratture di femore. E, negli over 65, il numero è aumentato del 10% negli ultimi anni.
Le cadute sono spesso dovute a mancanza di forza ed equilibrio nell'anziano ovvero da una diminuita capacità di gestire il peso del proprio corpo da parte del Sistema Nervos.
La riabilitazione
mira  a  potenziare questo controllo, così da mettere l’anziano in condizione di muoversi con maggiore sicurezza e dunque di uscire da uno stato di sedentarietà che ne accentua i disturbi motori.

Approfondimenti letture:
Home safety
checklist
e la personal risk factor assessment
form
leggibili al sito http://www.co.hennepin.
mn.us/vgn/portal/internet/hcsearchresultmaster/
0.2295.1273.00.html


falls toolkit (http://www.miahonline.org/tools/falls/
index.html).

The Merck Institute of Aging &
Health
fornisce notizie fondamentali e aggiornate
su problemi importanti come le cadute, la loro valutazione
e prevenzione (http://www.miahonline.
org/resources/bibliographies/content/Falls.ht
ml).

Risk factors for hip fracture in women. Bandolier, 1999
http://www.jr2.ox.ac.uk/bandolier/band66/b66-4.html

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu