mal di schiena rimedi - Francesco Grazzina fisioterapia a Gorizia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Domande frequenti > terapie fisiche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE
DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E DELLA SALUTE
CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA
Coordinatore: Chiar.mo Prof. Roberto Valentini

TESI DI LAUREA

STUDIO PRELIMINARE SULL'EFFICACIA DI UNA CINTURA PELVICA NELLA RIDUZIONE DEL DOLORE E DELLA DISABILITÀ IN PERSONE CON LOMBALGIA


LAUREANDO
Matteo Ramani


RELATORE
Dott. Alessandro Giacomazzi


CORRELATORE
Dott. Francesco Grazzina


Anno Accademico 2013-2014


La lombalgia è una patologia estremamente comune, si tratta di una delle principali cause di assenza dal lavoro 1  e determina un enorme impatto economico su individui, famiglie e comunità 2 . Data l'importanza epidemiologica ed economica del problema, nel corso degli anni sono stati proposti numerosi interventi preventivi, curativi e riabilitativi, tra cui: terapia fisica strumentale, terapia manuale, esercizio terapeutico, trattamento farmacologico, etc 3 . Ortesi e supporti lombari sono utilizzati come strumenti di prevenzione primaria e secondaria, per ridurre il dolore e la disabilità 4 . Alcuni Autori consigliano l'utilizzo di una cintura pelvica (collocata a livello delle SIAS o dei gran trocanteri) nei casi in cui dolore tragga origine da strutture del cingolo pelvico 5,6 . Tale dispositivo, ad oggi, è utilizzato soprattutto nel caso di dolore pelvico e lombopelvico durante la gravidanza 7,8 . Ci sono evidenze di come tale cintura possa effettuare una stabilizzazione meccanica dell'articolazione sacroiliaca 7  e possa ridurre il dolore a breve termine 9 . La letteratura è però piuttosto povera di studi di alta qualità riguardanti l'effetto di tale dispositivo anche sui pazienti con lombalgia: in un solo studio 10  si  rilevava un miglioramento della forza e una riduzione del dolore. In un altro studio 11 , su atleti con dolore lombopelvico, l'utilizzo della cintura determinava una riduzione del dolore e un miglioramento della funzionalità.
Il lavoro condotto per la redazione della presente tesi è stato finalizzato a verificare se l'utilizzo di una cintura pelvica possa essere di beneficio alle persone con lombalgia, riducendo il dolore e migliorando la funzionalità. Data la scarsità di dati in letteratura sull'efficacia di tale ortesi si è scelto di configurare lo studio come una ricerca pilota, da cui trarre informazioni per eventuali sviluppi futuri. La cintura è stata proposta a pazienti lombalgici con vari quadri clinici: dolore solo lombare o anche irradiato/riferito e presentazione acuta o cronica. A tali persone è stato chiesto di indossare la cintura nelle situazioni della vita quotidiana che normalmente determinano l'insorgenza del dolore. Si è scelto un follow-up ravvicinato, a 5 giorni, per evidenziare gli effetti a breve termine della cintura stessa.
Considerando tutti i pazienti aggregati si è osservata una diminuzione statisticamente significativa del dolore e della disabilità.
Suddividendo invece i pazienti in sottogruppi in base alla presentazione acuta o cronica, ed al fatto di aver ricevuto o meno un trattamento fisioterapico, si è osservata comunque una diminuzione di dolore e disabilità, ma una chiara significatività solo per il gruppo dei pazienti cronici non trattati. Oltre alla riduzione quantitativa del dolore si osservata una sorta di "centralizzazione" dei sintomi, ovvero una riduzione della frequenza del dolore irradiato/riferito agli arti inferiori ed al dorso.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu